Un weekend pieno al Diego Santi e per le giovanili eporediesi nell’ultimo weekend agonistico del 2018.

Comincia l’u14 sabato alle 15.30 che, saltato l’incontro con il quotato Collegno, affronta il Volvera: partita senza storia con gli eporediesi che superano agevolmente i 100 punti opposti ad una formazione evidentemente agli inizi e non ancora attrezzata, purtroppo una partita inutile per entrambe le squadre. Una under 14 comunque di qualità che speriamo nella seconda parte della stagione possa affrontare formazioni competitive per misurarsi in maniera più concreta.
L”U16, scesa in campo alle 16.30 un po’ rimaneggiata causa infortuni, è stata opposta al Novara, già vittorioso all’andata: squadra molto fisica e con buone individualità al largo. Iniziano forte gli avversari che in meno di 15 minuti segnano 2 volte con eccessiva facilità di fronte ad una difesa eporediese inconsistente. I giovani dell’Ivrea hanno però il merito di non demordere e sospinti da capitan Irimescu reagiscono proponendo molte azioni offensive che lo stesso capitano chiude in meta per la trasformazione di juglair. l’Ivrea ora combatte e gioca e rimette in discussione la partita con una seconda meta di buona fattura.
la partita continua con fasi alterne e con il Novara ancora avanti a cui replicano gli eporediesi arrivando sul 19-17 e l’inerzia a favore: purtroppo un errore di presa sulla ripartenza del gioco libera l’ala ospite che segna e taglia definitivamente le gambe all’Ivrea, che ammaina bandiera e subisce ancora 2 marcature per il 38-17 finale.
Sempre sabato unica squadra il trasferta l’u16 femminile che a Cogoleto ha affrontato il raggruppamento con Vallecrosia ed lo stesso Cogolento: bilancio 1 vittoria ed una sconfitta; qualche errore di troppo ha dichiarato coach Zanlorenzi ma comunque vanno sempre apprezzate la tenacia e l’impegno di questo gruppo in crescita.
Infine ha chiuso domenica l’u18 all’esordio nella seconda fase nel girone promozione. Opposti all’Union Imperia i ragazzi di Bellafiore-Marchiori hanno vinto per 34-5 con una prestazione a 2 facce: buona performance nel primo tempo con buon ritmo e gioco organizzato che trovava al largo spazio per lanciare i veloci tre quarti, opaca e insufficiente nel secondo tempo in cui si sono trovati a difendere per larghi tratti la reazione d’orgoglio degli ospiti. Cinque le mete nella prima frazione ad opera di Mengozzi (2), Macrì, Rabachino e Bordignon, che realizzava anche 3 trasformazioni. Un solo calcio nella ripresa sempre del nro 10 eporediese vs una meta degli ospiti a coronamento della supremazia dimostrata. Sicuramente un campionato a singhiozzo come quello di quest’anno non aiuta il ritmo partita ma la prestazione offerta non è comunque accettabile stante potenzialità del gruppo e quanto visto in allenamento. Non resta che lavorare per essere pronti alla ripresa del campionato a Cuneo il 20 gennaio