Ivrea rugby, la B non spaventa ma serve un aiuto per sistemare il campo

Al termine di una stagione esaltante che ha visto la promozione in serie B della formazione Seniores, dell’Under 18 esclusa dal prossimo campionato elite, dopo essere uscita a testa alta in semifinale, e dell’Under 16 femminile che è riuscita nell’impresa di raggiungere le finali nazionali di categoria a Calvisano, per l’Ivrea Rugby Club è nuovamente ora di fare sul serio in vista del prossimo Campionato ormai alle porte.

Il Campionato di Serie B 2019/20 determinerà quattro promozioni alla Serie A Maschile 2020/21 e otto retrocessioni al Girone 1 del Campionato di Serie C 2020/21. La stagione regolare inizierà il 20 ottobre 2019 per concludersi il 24 maggio 2020, vi parteciperanno quarantotto squadre suddivise su base geografica in quattro gironi da dodici squadre ciascuno. Le formazioni si affronteranno fra di loro con gare di andata e ritorno. Le squadre classificate al primo posto di ciascun girone, in regola con le obbligatorietà previste, saranno promosse al Campionato di Serie A Maschile 2020/21 mentre le squadre classificate all’undicesimo e dodicesimo posto di ciascun dei quattro gironi saranno retrocesse nel Campionato di Serie C, girone 1, 2020/21.

Gli eporediesi del presidente Franco Rosso sono inseriti nel girone 1 in compagnia di Rugby Franciacorta, Monferrato Rugby, Rugby Sondrio, Amatori & Union Rugby Milano, Rugby Lecco, CUS Milano, Rugby Rovato, Rugby Varese, Rugby Bergamo 1950, Piacenza Rugby Club e Amatori Rugby Capoterra. Alla guida della formazione eporediese confermato come allenatore, che ricoprirà anche il ruolo di Direttore Tecnico, Roberto Marchiori. “Affronteremo la prossima stagione – ci dice il presidente Franco Rosso – proseguendo con i nostri ormai consolidati e fortemente voluti progetti, sostenendo tutte le attività del club quali il settore giovanile, la squadra femminile, cercando di disputare un più che onorevole campionato di serie B con l’intento di mantenere senza affanno la categoria”. Il raduno è previsto per il 19 agosto anche se molti giocatori non hanno mai smesso di proseguire l’attività fisica soprattutto in palestra, la rosa della squadra è ad oggi confermata appieno cui si aggiunge il primo rinforzo con il ritorno sulle rive della Dora della prima linea classe 1992 Emanuele De Lise lo scorso anno in prestito in serie A al Settimo, ma saranno altre le novità in casa Ivrea, novità che si stanno concretizzando in questi giorni con l’arrivo di ulteriori rinforzi nel reparto di mischia, un mediano di apertura, oltre alla promozione nella serie maggiore di alcuni giocatori dell’Under 18.

In questo momento siamo alla ricerca – prosegue ancora Franco Rossodi grandi e piccoli imprenditori che credono e vogliano sostenere il nostro progetto, noi porteremo in giro con orgoglio il nome di Ivrea potrebbe quindi essere motivo di far conoscere la nostra realtà al di fuori dei nostri confini grazie al contributo di nuovi sponsor. Il secondo aspetto riguarda alcuni vincoli imposti all’impianto di San Giovanni dove, negli scorsi giorni c’è già stato un sopraluogo di una delegazione comunale. Il terreno di gioco attualmente di novanta per sessantacinque metri deve essere allungato di quattro metri portato quindi come regolamento dice a novantaquattro metri, altra richiesta per il campionato di serie B una tribuna da trecento posti, per quest’ultima potrebbe essere data una deroga. Tutto dovrà quindi essere concretizzato in tempo utile, la nostra intenzione è quella di rimanere a disputare il campionato di serie B ad Ivrea – conclude il presidente Franco Rosso – devono però permetterci ed aiutarci a farlo”.

da “La Sentinella del Canavese” del 05.08.19
di Massimo Sardo