In C1, l’Ivrea è già sicura della seconda fase

image

da “La sentinella del Canavese”

Il presidente Franco Rosso: «Nei play off non sarà facile, ma tutto il movimento sta crescendo»

IVREA. La lunga sosta invernale lascerà a riposo il movimento della palla ovale fino al 15 gennaio 2017 poi gli eporediesi dell’Ivrea Rugby Club torneranno in campo ad Aosta contro lo Stade Valdotain con il già matematico passaggio al successivo turno della serie C1 nazionale di rugby, accedendo ai play off, con il secondo posto in classifica conquistato alle spalle dell’Amatori Rugby Novara.

«La squadra nel complesso va decisamente bene – analizza la situazione il presidente Franco Rosso -. Si è creato un ambiente positivo attorno al movimento del nostro rugby. Tutti lavorano con grande entusiasmo. Constatiamo un’alta percentuale di presenze agli allenamenti ed i risultati fin qui ottenuti in tutti i settori e categorie sono alla luce del sole. Il nostro primo obiettivo stagionale è stato raggiunto garantendo con due giornate di anticipo l’accesso al girone di promozione e dunque al terzo anno di rinnovamento abbiamo ancora una volta il vantaggio di non doverci preoccupare della parte relativa ad una eventuale retrocessione».

«La maturazione e la crescita dei giovani giocatori unitamente al contributo dei più esperti, oltre a nuovi innesti e qualche rientro di atleti con esperienza sono sicuramente il giusto mix che sotto la guida del tecnico Luciano Schiavi sta producendo buoni risultati. Dopo l’ultima gara del 15 gennaio ad Aosta inizierà la nuova fase. A quel punto – prosegue il presidente del sodalizio eporediese – non ci poniamo limiti, ma quantomeno vogliamo stabilizzare le prestazioni con più continuità, vorremmo che le nostre partite non fossero altalenanti dal punto di vista tecnico e della prestazione vera e propria e con meno alti e bassi, obiettivo quello di essere competitivi in tutte le partite contro avversari che saranno sempre di alto livello. Ad oggi non conosciamo direttamente le formazioni liguri, Imperia, Savona e una tra Amatori Genova e Cus Pavia, ma sono squadre che già lo scorso anno hanno combattuto per la promozione in serie B e dunque più abituate a partite intense e fisiche, a tutto ciò si aggiungerà poi la complicazione dovuta a trasferte piuttosto lunghe, insomma giochiamo partita dopo partita con l’obiettivo di crescere».

«A coronamento di una stagione fin qui positiva vorrei sottolineare – conclude il massimo dirigente dell’Ivrea rugby club – come insieme alla seniores stiano migliorando i risultati di tutte le categorie: l’Under16 è in testa al girone a punteggio pieno, l’Under14 ha un bilancio positivo tra vittorie e sconfitte e sta crescendo notevolmente tenendo conto che è una squadra per metà nuova, mentre per le categorie della propaganda,

il cui obiettivo primario è comunque quello di divertirsi, offrono sempre ottime prestazioni nei propri raggruppamenti. Tutto ciò a testimonianza dell’ottimo lavoro che sta svolgendo tutto lo staff tecnico. Ci aspetta una seconda parte di stagione decisamente stimolante».

Massimo Sardo